Cocktail All’Olio D’Oliva

Il cocktail all’olio d’oliva è il mix perfetto tra tradizione e innovazione. Da sempre ci insegnano ad utilizzare l’olio come un condimento per accompagnare sia piatti dolci che salati. Ma se vi dicessimo che può essere un ottimo co-protagonista per realizzare una gustosa e sfiziosa bevanda alcolica? Scopri di più nel nostro articolo

Le origini

Il cocktail all’olio d’oliva è nato dalla creatività di uno dei più gradi bartender londinesi, Philips “Pip” Hanson. Il suo capolavoro “The Oliveto”, ha avuto l’onore di essere definito il “Cocktail dell’estate 2016”. In un’intervista ha dichiarato che la sua idea, di utilizzare l’olio come una bevanda, è nata nel un periodo in cui sperimentava una particolare tecnica, consistente nell’aromatizzare l’alcool tramite l’uso di ingredienti ad alto contenuto di grassi, come ad esempio il burro o il bacon. Una volta sciolto il grasso nell’alcool, si deve far raffreddare e dopo un certo periodo di tempo viene rimossa la parte grassa, lasciando il suo sapore all’alcool. Da qui la sua originalità nel combinare l’olio extravergine d’oliva assieme al Gin, in quanto il sapore poco preponderante si sposa bene con questo tipo di distillato.

Le tipologie

Questo drink è semplice da realizzare e può essere preparato anche a casa, per accompagnare apertivi originali e brindisi di ogni genere che lasceranno tutti senza parole! Oltre al "The Oliveto" esistono altri cocktail in cui è possibile aggiungere l'olio di oliva, ottenendo un risultato gustoso:

“Bloody Mary”, a base di succo di pomodoro, Vodka e peperoncino. È molto particolare, adatto a chi preferisce un tono piccante.

“Frozen Oil”, il cui ingrediente principale è il Rum, a cui vengono aggiunte alcune foglie di Radicchio. Adatto a coloro che vogliono sapori decisi.

Come afferma Philips “Pip” Hanson, per una perfetta riuscita è necessario utilizzare un olio di qualità, come il nostro Olio Extravergine d’oliva Frantoio Porto di Mola , realizzato esclusivamente con le olive del nostro territorio.