Il ciclo dell’ulivo nelle stagioni

Nel corso dell’anno la pianta d’ulivo si sviluppa e si modifica in base alle temperature.

In questo articolo faremo un viaggio insieme per scoprire tutte le fasi della produzione e della coltivazione dell’olivo che dagli agronomi vengono chiamate “fenologiche”. 

 

La prima cosa da prendere in considerazione è che la lavorazione dell’ulivo non si esaurisce mai perché vi sono vari lavori da svolgere nel corso del tempo. 

Ciò che accompagna ogni fase dev’essere sicuramente una grande cura e passione, fondamentali per ottenere i migliori risultati. Tutto volge all’ottenimento del frutto, delle olive. 

La fase di “letargo”

L’inverno è il periodo del riposo vegetativo dell’olivo. 

In questa stagione è quindi possibile dedicarsi alla potatura, tappa fondamentale per permettere una migliore penetrazione della luce e dell’aria all’interno della chioma della pianta, alleggerendola.  

In questo modo sarà possibile anche rendere la pianta più resistente agli attacchi dei parassiti. 

Questa fase deve avvenire prima del periodo di fioritura. 

Il risveglio primaverile

Durante la primavera l’ulivo inizia a germogliare e inizia la cosiddetta ripresa vegetativa. 

Con la concimazione e l’irrigazione iniziano a spuntare i primi fiori che nascono sui rami dell’anno precedente. 

Una caratteristica tipica di questa pianta è che i fiori germogliano “a mucchi” e ricordano un vero e proprio grappolo. 

Questa fase ha inizio a maggio e si protrae fino alla metà di giugno. 

L’estate dell’ulivo

In questa stagione dal fiore si passa al frutto: si vedranno nascere sull’albero le prime olive, che continueranno a crescere per tutta l’estate fino alla maturazione. 

La crescita delle olive si concluderà a luglio e il nocciolo inizierà a indurirsi. 

In questo periodo è necessario controllare con attenzione la progressiva maturazione per essere certi che ogni passaggio avvenga correttamente e per garantire la qualità del risultato finale: un buon olio extra vergine d’oliva!

 

Autunno: la stagione della raccolta

Dal termine dell’estate fino a dicembre si passa alla fase dell’invaiatura, durante la quale il colore delle olive cambia e passa dal verde ad un colore più scuro, quello tipico del frutto.

Durante questa fase si modifica non solo il colore, ma si ha anche un incremento degli zuccheri contenuti nelle olive stesse e altre modificazioni che interessano la composizione chimica della polpa. 

Quando la maturazione sarà terminata i frutti possono finalmente essere raccolti. 

 

Per maggiori approfondimenti su come avviene la raccolta delle olive leggi il nostro articolo.

 

Facebook
WhatsApp

Soddisfa La Tua Curiosità

Lascia qui le tue domande. Ti risponderemo al più presto.

    Inserisci questo codice:

    captcha

    Articoli Correlati