Classificazioni e differenze dell’Olio di Oliva

Conoscere ciò che portiamo nelle tavole è molto importante, ma nonostante l’Olio di Oliva sia uno dei condimenti più utilizzati nella Dieta Mediterranea , non tutti conoscono a fondo le differenze delle varie classificazioni.

Classificazione degli oli di oliva

Quando leggiamo la dicitura “Olio di Oliva” siamo di fronte a un prodotto ottenuto attraverso processi meccanici o fisici, in condizioni che prevengono possibili alterazioni dell’olio. Le sue varianti sono molteplici ed è quindi necessario approfondirle singolarmente per comprendere al meglio quello che si legge sulle etichette.

Vediamo insieme quali sono le classificazioni di base.

Olio extravergine di Oliva

Questa tipologia di olio è sicuramente quella che offre maggiori benefici per la salute, grazie all’alto contenuto di polifenoli . Per avere questa dicitura sull’etichetta, è necessario che l’acidità non superi lo 0,8% e che il prodotto non presenti difetti. Per ottenere questo risultato è necessario che l’olio sia di buona qualità. Fanno la differenza la varietà di olive, i tempi di raccolta
e le modalità di lavorazione e conservazione.

Le misurazioni vengono effettuate tramite esami organolettici, in cui vengono presi in considerazione anche gusto e fruttato dell’olio.

Olio di oliva vergine

Gli oli di oliva vergini presentano un’acidità massima del 2% e lievi difetti. Si tratta quindi di prodotti di qualità leggermente inferiore, che possono comunque essere consumati o utilizzati per la cottura delle pietanze.

Olio di oliva vergine lampante

Ottenuto dalla lavorazione delle olive, la sua acidità supera il 2% e possiede difetti. La sua qualità è molto bassa e per poterlo consumare è necessario effettuarne prima la raffinazione, volta a rimuoverne i difetti organolettici.

Oli raffinati

Questi prodotti si ottengono attraverso il processo di raffinazione degli oli lampanti. Possiedono un’acidità inferiore allo 0,3% e sono incolore, insapore e inodore. Non possono essere venduti al dettaglio e vengono utilizzati insieme agli oli di oliva vergini per produrre olio di oliva.

Olio di Sansa

Gli oli di sansa sono ottenuti tramite il trattamento della sansa di oliva, cioè i residui dei frutti che vengono spremuti, come noccioli, bucce e frammenti. Il prodotto è commestibile e le proprietà organolettiche sono simili a quelle dell’olio classico.

Queste erano le principali classificazioni e differenze dell’olio!

Come visto, la dicitura presente sull’etichetta fa la differenza nella qualità del prodotto e dietro a ogni olio extravergine vi è un grande lavoro. Per questo Frantoio Porto di Mola cura a fondo ogni dettaglio della produzione, dalla raccolta fino al confezionamento, realizzando vere e proprie eccellenze locali.

Se vuoi conoscere a fondo i nostri prodotti, visita il nostro sito!

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp

Soddisfa La Tua Curiosità

Lascia qui le tue domande. Ti risponderemo al più presto.

    Inserisci questo codice:

    captcha

    Articoli Correlati